Progetto: Mosaico

mosaico per facciate esterne

Mosaico per facciate esterne del BROOKLYN CHILDREN'S MUSEUM

Il mosaico, grazie all’architettura innovatica e contemporanea, viene sempre più spesso utilizzato per facciate esterne.

Rafael Viñoly ritiene che l’innovazione tecnologica sia cruciale per il progresso dell’architettura come disciplina. Ma per lui, chiaramente, tale innovazione tecnologica non equivale necessariamente all’uso di nuovi materiali. A volte un prodotto collaudato come i mosaici in ceramica offre il mezzo perfetto per un’architettura innovativa.

Un esempio calzante è l’ampliamento del Brooklyn Children’s Museum, un edificio progettato quasi dieci anni fa dall’ufficio di Viñoly a New York. Questa struttura altamente sostenibile è rifinita con una pelle di ceramica, che sembra fresca oggi come quando è stata appena completata.

Descrizione del progetto e del mosaico per facciate le esterne

L’ampliamento del museo di Rafael Viñoly (nato nel 1944, a Montevideo, Uruguay) copre 9.000 metri quadrati di spazio museale, quasi 2.000 metri quadrati di terrazza sul tetto e altri 1.000 per un giardino.

Nel 2015, questa terrazza sul tetto ha ricevuto un componente aggiuntivo, progettato da Future Green Studio e Toshiko Mori, per ospitare attività ed eventi all’aperto, sotto quello che Mori descrive come “un baldacchino all’aperto di tre stagioni”. Ma per il resto l’edificio è rimasto invariato e ha resistito senza sforzo al suo primo decennio.

Viñoly si vanta che ancora oggi è l’unico museo verde certificato LEED. Gran parte della certificazione LEED è correlata al basso consumo energetico del museo, ma anche la finitura esterna durevole è importante per qualificarsi per questo standard di sostenibilità.

Le ceramiche sono durevoli e richiedono poca manutenzione e, come mostra il Brooklyn Children’s Museum, non perdono la loro freschezza originale.

Il rivestimento esterno in mosaico Jasba è la soluzione ideale per creare un involucro architettonico.

La parte superiore del museo è costituita da una forma leggermente sporgente ricoperta di piastrelle gialle brillanti progettate da AGROB BUCHTAL specialisti in ceramica architettonica.

All’angolo tra Brooklyn e St. Mark’s Avenue, un muro di ceramica rossa e verde fa da cornice all’ingresso principale del museo. Il giallo, il rosso e il verde consentono all’edificio di risaltare nel paesaggio urbano di Brooklyn e sottolineano che il museo è rivolto ad un target giovane di bambini, che vengono qui per esplorare, giocare e imparare. È una convenzione rendere l’architettura per bambini colorata, quindi Viñoly è in questo senso perfetto. Ma il Museo dei bambini non è anomalo nel suo lavoro, che mostra una netta preferenza per l’audacia sofisticata.

Questo si traduce in molti dei progetti di Viñoly in forme accattivanti e nell’uso di colori sorprendenti. In questo senso, c’è una chiara continuità tra i suoi primi progetti per la Banca della città di Buenos Aires, che ha progettato da ventenne in Argentina alla fine degli anni ’60, il Museo dei bambini, e opere recenti come il suo controverso Walkie Talkie Tower nella City di Londra, con la sua facciata concava, e la snella torre residenziale 432 di Park Avenue a Manhattan.

Quasi tutti gli edifici di Viñoly si avventurano in nuove direzioni, e questo vale anche per il Museo dei bambini, che differisce da tutti gli altri suoi progetti.

Per quanto possa sembrare paradossale, questa eccezionalità rende il museo di Brooklyn vintage Viñoly. Il suo primo decennio di maturazione è una prova della forza e della resilienza della sua facciata ventilata in mosaico ceramico, poiché il Museo dei bambini promette di rimanere per sempre giovane.

Ti interessano i nostri prodotti?

Scopri come possiamo aiutarti per far crescere il tuo business!