Isolamento dal caldo estivo con facciate ventilate Agrob Buchtal.

Ecobonus facciate ventilate: qual è l’isolamento dal caldo estivo perfetto per la tua casa?

Il miglior modo per creare un isolamento dal caldo estivo è sicuramente quello di creare una facciata ventilata esterna che eviti l’irraggiamento solare diretto alla struttura dell’edificio.

Se vuoi migliorare il tuo comfort abitativo durante i mesi estivi, ti consigliamo di cogliere al volo le opportunità offerte dall’ecobonus installando sul tuo edificio una parete ventilata Agrob BUCHTAL.

L’isolamento dal caldo estivo creato dalla facciata ventilata è la soluzione tecnica perfetta per risparmiare sul costo energetico in tutte le zone climatiche Italiane, perché consentono di ridurre i costi energetici sia nel periodo estivo che invernale.

Fonte Cortexa

Quali sono i vantaggi di un isolamento estivo realizzato con una parete ventilata? 

  • La facciata ventilata Agrob BUCHTAL grazie al suo rivestimento in grès cerámico crea uno “scudo termico” che mantiene la temperatura interna più bassa rispetto a quella esterna, perché evita l’irraggiamento diretto alla struttura. In questo modo, la casa si mantiene più fresca e non viene influenzata dal calore esterno, che penetra difficilmente.
  • Isolare la casa dal caldo con le facciate ventilate è il sistema perfetto perché unisce la protezione dello scudo  termico a quello dell’isolante in lana minerale, consentendo un risparmio energetico nei costi della climatizzazione estiva del 50% nelle giornate con temperatura fino a 25° e del 75% per le giornate con temperature superiori.
  • L’isolamento estivo ha la stessa importanza di isolare una parete dal freddo, perché in molte regioni Italiane è necessario isolare casa dal caldo se si vuole generare un risparmio energetico. Migliorare la trasmittanza termica dell’edificio contribuisce anche a migliorare il comfort estivo mentre quello invernale è originato dal cappotto termico in lana minerale.
  • Le pareti ventilate in cotto, ceramica o terracotta mantengono inalterato nel tempo i colori ed il loro pregio architettonico contribuendo ad ad aumentare il valore dell’immobile ed azzerando i costi di manutenzione della facciata.
  • L’inerzia termica di una facciata ventilata è superiore ad una parete con una massa pari allo spessore di 50 cm, perché bisogna aggiungere lo spessore della parete ventilata a quello della parete esistente.
Fonte Cortexa

Sfasamento termico ed inerzia termica degli edifici normative e parametri.

Il decreto ministeriale del 26/06/2009 definisce l’indicatore di sfasamento termico come “ritardo temporale tra flusso termico entrante nell’ambiente interno e massimo della temperatura dell’ambiente esterno“.

Il decreto prevede un valore minimo di 10 ore dello sfasamento termico se si vuole ottenere un livello accettabile di comfort termico estivo, anche se in realtà il valore ideale deve essere di 12 ore.

Uno sfasamento termico superiore alle 12 ore porterà all’interno delle case il calore assorbito nelle ore pomeridiane nelle ore serali e notturne, in questo modo sarà possibile abbassare la temperatura aprendo le finestre, senza usare l’aria condizionata.